giovedì 15 aprile 2021
Le separazioni ricadono sui figli
di Marta Immarrata
Atteggiamenti corretti ed attenti da parte dei genitori possono ridurre la sofferenza, dando sicurezza
20 dicembre 2018

I  dati Istat sottolineano come cresca il numero delle coppie che si separano (il dato è cresciuto soprattutto nel 2015).

Ma se da un lato i divorzi sono aumentati, dall'altra assistiamo a un aumento dei matrimoni, anche se gli Stati Unitici battono: i matrimoni sono in continua crescita e certamente più duraturi. Sorge allora una domanda: come mai in Italia il numero delle coppie che rimangono unite è minore? 

Un fatto che favorisce l'aumento dei divorzi è l'introduzione del così detto "divorzio breve", che ha semplificato la procedura per mettere fine ai matrimoni, che mediamente hanno una durata di 17 anni in Italia.

 

Ma se ci soffermassimo sul perchè di queste separazioni, molti matrimoni eviterebbero di fallire o meglio ancora di cominciare.

In un mondo ormai confuso, creare legami stabili, sopratutto se si parla di nuclei familiari, è sempre più difficile. La maggior parte delle cause di conflitto - a parte numerosi problemi futili che si ripresentano puntualmente e non si riescono a superare - sono riconducibili a tradimenti, a problemi di tipo finanziario, oppure legati alla mancanza di stima nei confronti del partner.

Motivi quindi di tensione, che spesso portano a un disagio che ricade poi anche sui figli.

 

I bambini spesso solo quelli che soffrono di più, perchè i problemi legati alla separazione sono quelli che incidono di più sul carattere e sulla personalità nel momento della crescita.

Dopo una separazione o un divorzio, i figli mostrano svogliatezza e difficoltà a rapportarsi con gli altri, oltre a stati emozionali negativi tra cui rabbia e tristezza. I figli reagiscono in modi differenti alla separazione dei genitori, ma l'età riveste un ruolo fondamentale, poichè in ogni fase di sviluppo i problemi vengono vissuti ed elaborati in maniera diversa.

Sopratutto nella fase adolescenziale i figli risentono dei problemi più gravi, tra cui  mancanza di autostima e depressione, ma quello che più fa male non è tanto la separazione in sè e per sè, quanto la conflittualità tra i genitori.

 

Se quindi la separazione o il divorzio sono inevitabili e in qualche caso anche giusti, ci sono dei comportamenti che i genitori devono adottare nei confronti dei propri figli per farli soffrire il meno possibile, e farli sentire rassicurati.

Oltra ad essere quindi un dovere morale, è un consiglio degli psicologhi stessi, quello di essere sempre onesti, di informare, di tenere sempre al corrente di tutto i propri figli, di rispondere alle loro domande in modo onesto e sincero, senza mai farli sentire esclusi.

Un altro dovere morale è quello di non assentarsi per troppo tempo dalla loro vita, ma essere sempre presenti.

 

 

20 dicembre 2018
AREA-
di Andrea Santoni
È lo slogan della "Giornata nazionale per la donazione di organi e tessuti", che si celebra domenica 11 aprile. Promossa del ministero della Salute e dal Centro nazionale trapianti per sensibilizzare i cittadini a donare, nonostante la pandemia
10 apr 2021
Social network, bambini e identità sessuale: cos'è cambiato rispetto al passato?
di Benedetta MARINO
Oggi, rispetto al passato, i ragazzi sono più stimolati a porsi domande sulla propria identità sessuale. E sul web trovano informazioni confuse e disfunzionali
9 apr 2021
La DAD apre nuove prospettive, ma non permette di andare in profondità
di Agostinho Augusto
Intervista con il professor Luca Bianchi, vice-rettore della Pontificia Università Antonianum
31 mar 2021
Le conseguenze nascoste del Covid: aumenta il lavoro minorile
di Marc-Auguste Kambiré
In diversi Paesi del mondo, i minori sono stati considerati "risparmiati" dal COVID-19: anche per questo, vengono messi al lavoro al posto degli adulti.
29 mar 2021
Donne e lavoro: il Covid amplifica le disuguaglianze, ma  il vento sta cambiando…
di Andrea Santoni
Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, le donne sono le più colpite a livello lavorativo ed economico dagli effetti della pandemia. Ma in alcuni ambiti si intravvedono risposte per il futuro
26 mar 2021