lunedì 19 agosto 2019
Un messaggio da Torre Melissa: sentirsi comunità è ancora possibile
di Mariaelena Iacovone
A pochi giorni dal discorso di fine anno di Sergio Mattarella, in Calabria 51 migranti vengono salvati dai cittadini, che si sono mobilitati spontaneamente.

È la mattina del 10 gennaio quando una barca a vela con 51 migranti curdi si arena a pochi metri dalla spiaggia di Torre Melissa, piccola frazione in provincia di Crotone (Calabria). Il rischio che l’imbarcazione si capovolga è alto e molti di loro non sanno nuotare, così iniziano a gridare disperatamente. Quelle urla disperate di uomini e donne svegliano alcuni residenti della zona, che, senza alcuna esitazione, intervengono immediatamente per metterli in salvo (ma purtroppo un uomo risulta ancora disperso). Subito dopo, in loro aiuto, giungono anche i carabinieri e i finanzieri della Sezione operativa navale, che salvano una madre e il suo piccolo di pochi mesi. Così, in poche ore si crea una vera e propria rete di solidarietà tra gli abitanti della zona per fornire pasti e coperte ai poveri naufraghi.

 

Sono gesti di profonda umanità che arrivano a pochi giorni dal messaggio di fine anno del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il Capo dello Stato, in uno dei discorsi più belli degli ultimi tempi, ha spiegato l’importanza e «l’esigenza di sentirsi e riconoscersi come comunità», in quanto senza si arriva inevitabilmente alla violenza.

In un momento storico in cui i più sono incattiviti o hanno timore nel mostrare i buoni sentimenti, Mattarella ci ricorda che “sentirsi comunità significa condividere valori, prospettive, diritti e doveri. Vuol dire anche essere rispettosi gli uni degli altri. Vuol dire essere consapevoli degli elementi che ci uniscono e nel battersi, come è giusto, per le proprie idee, rifiutare l'astio, l'insulto, l'intolleranza, che creano ostilità”.

 

E a Crotone a trionfare è stata proprio quella “delicatezza” propria dell’amore e del rispetto verso l’altro, che non potrà mai essere completamente eliminato. Si tratta di valori e realtà che appartengono a qualunque genere di comunità, intesa prima di tutto come luogo della conversazione educativa. Cosa diventerebbero le istituzioni, le varie forme di associazionismo o il mondo della formazione se si perdessero di vista la dimensione affettiva e valoriale dei rapporti?

Concludo questa mia riflessione con le parole del filosofo sudcoreano Byung-Chul Han, autore del libro La società della trasparenza: «Nella società della trasparenza (dove tutto è alla portata dei cittadini, n.d.a.) non si costituisce una comunità nel senso enfatico. Si sviluppano solo assembramenti o molteplicità casuali di individui isolati. [...] Manca loro lo spirito».

11 gennaio 2019
AREA-
di Chiara Monaldo
Giugno per gli studenti è un momento di grandi cambiamenti. L'importante è sapere che la fine non è un fallimento e che il vero coraggio sta nel sapere quando lasciar andare qualcosa...
27 giu 2019
UNISAL: un nuovo indirizzo di studio e tante iniziative. Aria di novità a Scienze della Comunicazione
di Guy Ntanda Mulaisa
Intervista con il decano Fabio Pasqualetti, che spiega il nuovo curricolo di Comunicazione Sociale, Media Digitali e Cultura e fa un bilancio degli ultimi mesi
4 giu 2019
Di che formazione hanno bisogno i sacerdoti oggi, per ricoprire il loro ruolo nelle comunità?
di Dario Jean
La Chiesa ha bisogno di sacerdoti sani, di persone normali, di uomini che sanno rapportarsi non solo con Dio ma anche con le altre persone. Per questo la formazione deve essere solida e permanente
28 mag 2019
E se la Chiesa si
di Roberto Carrasco Rojas
Non si tratta solo del problema dell'ambiente, si tratta del nostro futuro come pianeta, come esseri viventi. Il Sinodo Panamazzonico è solo l'inizio di un processo già iniziato nella Chiesa.
25 mag 2019
Luca Pozzolini: “Rattrista vedere molti giovani lontani dalla fede, ma...”
di Alexandro Rangga
Il dolore, la conversione, la serenità ritrovata. Storia di una fede riconquistata
23 mag 2019
i