martedì 25 giugno 2019
Luca Pozzolini: “Rattrista vedere molti giovani lontani dalla fede, ma...”
di Alexandro Rangga
Il dolore, la conversione, la serenità ritrovata. Storia di una fede riconquistata

Luca viveva felice con sua moglie, Laura, e i due figli Valentina e Lorenzo. Ma quella vita è stata improvvisamente messa in discussione quando si è scoperto condannato a soffrire di cancro alla vescica nel 2015. È stato costretto a ritirarsi presto dal lavoro, anche se aveva solo 58 anni, e questo ha creato alla famiglia grossi problemi economici, che si sono aggiunti a tutti gli altri.

La sua fortuna è stata la profonda fede cattolica della moglie. «La fede di mia moglie è molto forte», dice, «e mi ha aiutato in quei tempi difficili». L'esperienza del dolore gli ha dato molto tempo per riflettere sulla sua vita, in particolare sulla sua relazione con il Signore Gesù. «La fede penso di non averla mai persa.  Sicuramente quando lavoravo avevo poco tempo per fermarmi a riflettere ed ero troppo immerso nella vita pagana».

Com'è il tuo viaggio di fede?

«Il viaggio è affascinante e le difficoltà che incontro durante il cammino non sono ostacoli insormontabili».

Quando è stato il "punto di svolta" nella tua vita?

«Il cammino è iniziato circa tre anni fa, al culmine di un difficilissimo periodo della nostra vita, durante il quale siamo stati come una barca nel mare in tempesta. Ho scoperto di avere un cancro alla vescica vedendo del sangue nella pipì nel 2015. Grazie alla equipe medica ma soprattutto grazie all'infinita Misericordia di Dio sono ancora qui. Abbiamo potuto avere in dono la Misericordia di Dio e percepire significativamente accanto a noi la presenza di Nostra Madre. 

Durante quel periodo, ho spesso riflettuto  sul mio rapporto con Dio e dove mi aveva portato il cammino intrapreso nel 2000, quando il Signore mi ha chiamato, facendomi pian piano uscire dalla vita pagana e coinvolgendomi sempre più nella Fede. Successivamente una Chiesa di Firenze, la chiesa di Ognissanti, mi ha attirato, mi ha fatto venire voglia di entrare, quando ero appena stato dimesso dal secondo intervento.  

Provai, e provo tutt'ora, un profondo contatto con Dio e una statua della Madonna di Fatima mi ha ulteriormente coinvolto nel cammino. 

Pochi giorni  dopo, quando il primario vide gli esiti del secondo intervento, pur non dicendo niente, fece chiaramente capire che stava andando tutto bene. Ed ancora oggi  quando entro in quella Chiesa, ho sempre una percezione di non essere solo.»

C’è qualche storia che l'ha particolarmente colpita?

«Vedere a Nevers il corpo incorrotto di Bernadette Soubirous, serenamente addormentata». 

Finora che cosa vi ha aiutato?

«Sicuramente le letture bibliche  ma anche il diario di Suor Faustina Kowalska, i libri su Fatima e Lourdes e anche i pastori e i pellegrinaggi».

Cosa ne pensi delle giovani generazioni che oggi sembrano avere perso la fede?

«Rattrista vedere molti giovani lontani dalla Fede, ma noi abbiamo il dovere di seminare in silenzio, poi sono sicuro che anche nella loro vita verrà il momento in cui Dio li chiamerà.»

 

23 maggio 2019
AREA-
UNISAL: un nuovo indirizzo di studio e tante iniziative. Aria di novità a Scienze della Comunicazione
di Guy Ntanda Mulaisa
Intervista con il decano Fabio Pasqualetti, che spiega il nuovo curriculum di Comunicazione Sociale, Media Digitali e Cultura e fa un bilancio degli ultimi mesi
4 giu 2019
Di che formazione hanno bisogno i sacerdoti oggi, per ricoprire il loro ruolo nelle comunità?
di Dario Jean
La Chiesa ha bisogno di sacerdoti sani, di persone normali, di uomini che sanno rapportarsi non solo con Dio ma anche con le altre persone. Per questo la formazione deve essere solida e permanente
28 mag 2019
E se la Chiesa si
di Roberto Carrasco Rojas
Non si tratta solo del problema dell'ambiente, si tratta del nostro futuro come pianeta, come esseri viventi. Il Sinodo Panamazzonico è solo l'inizio di un processo già iniziato nella Chiesa.
25 mag 2019
Se non ti ami, non ami
di Chiara Monaldo
La mancanza di autostima e di amor proprio ha conseguenze rischiose. Per fortuna, siamo sempre in tempo per imparare ad amarci
13 mag 2019
La famiglia non può essere usata per escludere. Riflessioni dopo il Congresso di Verona
di Maria Grazia Tripi
Quello che poteva essere un dibattito interessante è diventata una battaglia tra due contendenti contrapposti. Ma i credenti sono portatori di una "buona" notizia...
1 apr 2019
i