giovedì 9 luglio 2020
"Per ogni fine, c'è un nuovo inizio". L'importante è vederlo
di Chiara Monaldo
Giugno per gli studenti è un momento di grandi cambiamenti. L'importante è sapere che la fine non è un fallimento e che il vero coraggio sta nel sapere quando lasciar andare qualcosa...

Giugno è il Capodanno degli studenti. Tra esami di maturità, sessioni estive e discussioni di lauree, sono tantissimi gli studenti che concludono un percorso e si affacciano in un mondo pieno di cambiamenti.

Cambiamenti che spaventano, ma che sono il trampolino di lancio verso qualcosa di inedito, che da la possibilità di ricominciare da zero. In questo periodo di cambiamenti, una domanda potrebbe sorgere spontanea... Ci spaventa maggiormente la fine o l'inizio di qualcosa?

 

Antoine de Saint-Exupery, nel suo celebre libro "Il Piccolo Principe", afferma che "Per ogni fine c'è un nuovo inizio". Una fine, quindi, presuppone un inizio, spesso però siamo noi a non voler aprire le porte a nuovi inizi.

Di conseguenza ci limitiamo a vedere solo la fine, convincendoci che ciò che avverrà dopo non potrà mai essere all'altezza di ciò che si è concluso, senza renderci conto che non sarà migliore o peggiore, ma semplicemente diverso.

Sicuramente un inizio è sempre più impegnativo di una fine. 

Quando qualcosa finisce non puoi più agire in nessun modo, puoi solo andare avanti, e ripensare al passato. Per un inizio invece devi agire in prima persona, affinchè possa essere una buona partenza. 

Allo stesso tempo la fine di qualcosa ci coinvolge maggiormente. Alcune fini sono previste, sono razionali: terminano le giornate, terminano le stagioni, terminano i percorsi scolastici. Altre sono impreviste. Talvolta sono una scelta sofferta, altre volte sono un avvenimento che ci travolge e che ci appare inspiegabile.

Sono questa seconda tipologia di "fine" che ci spaventa e che spesso non riusciamo ad accettare, che ci blocca, che ci paralizza tanto da non voler più intraprendere ed accogliere nuovi inizi. 

 

Rimaniamo fermi alcune volte perchè temiamo, che un nuovo inizio possa mutarsi in una fine che ci disorienta, altre volte perchè siamo talmente legati ad un passato ormai concluso, che preferiamo contemplare un ricordo piuttosto che intraprendere un nuovo percorso. 

Il passato diventa un'ancora alla quale ci aggrappiamo senza renderci conto che ci tiene fermi in un punto, limitando la nostra libertà.

Non dobbiamo essere ingannati dal pensare che quando qualcosa finisce, anche per nostra volontà, abbiamo fallito. La fine non è un fallimento, il vero coraggio sta nel sapere quando lasciar andare qualcosa. La fine è una porta che si spalanca dalla quale possiamo intraprendere un nuovo percorso che ci dona infinite opportunità, infiniti inizi. 

In bocca al lupo a tutti gli studenti! 

 

27 giugno 2019
AREA-
Aiuto, dov'è lo smartphone?!?
di Paolo Rosi
Si chiama "nomofobia" la paura di rimanere senza cellulare. Uno dei tanti modi in cui si esprime il complesso rapporto tra adolescenti e nuove tecnologie
11 giu 2020
Musica, social network, moda. Per i giovani tanti modi di comunicare, una richiesta: ascoltateci
di Celine Louisette RAHANTASOA
I giovani di oggi non sono migliori di quelli di ieri, ma comunicano diversamente. E chiedono di essere riconosciuti
9 giu 2020
La vocazione religiosa in un'epoca in cui tutte le vocazioni sono in crisi
di Thi Dung TRAN
A colloquio con una suora Oblata di Maria Vergine di Fatima, sulla crisi delle vocazioni religiose e su come affrontarla
6 giu 2020
La paura farà diminuire o crescere la fede?
di Celine Louisette RAHANTASOA
La riapertura delle chiese era molto attesa dai cattolici, ma non era scontato che la gente tornasse a messa. Ecco come è andata in una parrocchia di Roma
1 giu 2020
A Roma riaprono i mercati e i cittadini si fidano
di Thi Dung TRAN
Il mercato Menenio Agrippa riapre dopo l'emergenza. Abbiamo fatto un giro tra i banchi di frutta, verdura, carne e pesce e raccolto alcune voci...
28 mag 2020
i