giovedì 15 aprile 2021
Il coronavirus divide, ma la responsabilià ci unisce
di Ruslana Tkachenko
La testimonianza di padre Roman Kryvyi, della parrocchia degli Ucraini di Avellino: le chiese sono chiuse e le comunità soffrono, ma si può ancora pregare insieme ed essere solidali.
24 aprile 2020

In Campania, a circa 60 chilometri da Napoli, si trova la città di Avellino. Ospita circa 500 ucraini e dal 2014 ha una parrocchia personale della Chiesa Greco-Cattolica Ucraina dei santi Volodymir e Olga.

«Sono un prete per gli ucraini qui dal 2007, ma solo sette anni dopo sono riuscito a fondare una parrocchia personale, che ha il suo tempio. L'arcidiocesi locale ci ha consegnato il Tempio di Nostra Signora di Saletia, che era stato chiuso dopo il terremoto», afferma padre Roman Kryvyi. Nel novembre 1980, infatti, qui c'è stato un terremoto di magnitudo 6.9.

 

È noto che, dopo il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, la Chiesa italiana ha sospeso tutte le celebrazioni civili e i servizi religiosi, compresi i funerali. Attraverso un messaggio della Conferenza Episcopale Italiana, la Chiesa d'Italia ha rassicurato tutta la comunità, in pericolo di salute. La dichiarazione afferma che «le misure restrittive adottate dalle autorità sono dolorosamente e difficili da recepire da pastori, sacerdoti e fedeli, ma allo stesso tempo la Chiesa italiana cerca di contribuire alla protezione dell'assistenza sanitaria». 

«Come tutti i templi in Italia, il nostro tempio è chiuso durante questo periodo. Tuttavia, scolge un servizio a porte chiuse, cioè senza persone», ha aggiunto padre Kryvyi

Nella città, che ha una popolazione di 418.306 persone (dal 1° gennaio 2019), c'è un ospedale a Muscati, che ospita un gran numero di pazienti con coronavirus COVID-19 da tutta la regione. La mattina del 20 marzo, don Antonio Di Stasio, un prete di 85 anni di Ariano Irpino, è morto qui, dove era stato ricoverato. 

 

«Cerco di rimanere in contatto con i fedeli  attraverso la comunicazione moderna. Faccio un servizio di adorazione su Facebook», racconta padre Roman. Secondo lui, nella situazione attuale è necessario rimanere un “buon cristiano”.

Il sacerdote incoraggia a rendersi conto che ci sono alcune restrizioni dovute a ordinanze o decreti della Сhiesa: «Ora siamo rinchiusi nelle nostre case e che i sacerdoti pregano soli, nei templi senza i fedeli: questo ci dà l'opportunità di apprezzare ciò che abbiamo avuto. Accettando i Santi Misteri, abbiamo sentito la peculiarità di questo momento e quando abbiamo toccato le icone, abbiamo capito il loro significato?».

Quando arrivano i problemi, noi tendiamo a citare Dio, ma padre Kryvyi: «Suppongo che non dovremmo ora chiedere a Dio perché lo abbia permesso. Dopo tutto, Lui sta aspettando tutte le nostre vite quando ci convertiremo. Lui vuole che ci convertiamo».

 

A proposito di come comunica ora con i suoi parrocchiani, padre Roman ci dice: «Abbiamo un gruppo su WhatsApp. Lì i parrocchiani mi scrivono le loro richieste di preghiere. Li aiuta. Molti di loro hanno perso il lavoro adesso e ci stiamo incoraggiando a vicenda».

«Crediamo e confidiamo in Dio, ma dobbiamo anche metterci in guardia, perché siamo responsabili di ciò che facciamo», afferma padre Roman. «Nessuno sa dove possa essersi infettato il prete di Ariano Irpino, ma tutte le persone che hanno visitato il tempio in quel momento potrebbero diventare positive per il virus. Quindi stiamo attenti a quello che facciamo!» ha aggiunto.

Ed ecco come racconta della sua attuale routine pastorale: «Oggi stavo tornando dal tempio in auto e sono stato fermato dalla polizia. Mi hanno chiesto dove stavo andando e dove. Ero in maschera, con guanti usa e getta, ma ho dovuto raccontare tutto nei dettagli, ho assicurato loro che volevo stare in adorazione con la porta chiusa».

«Il test del coronavirus», conclude il sacerdote, «ha chiarito che c'è una cultura della responsabilità reciproca. Mi ha cambiato anche perché sento il bisogno di una preghiera sincera per quelle persone di cui sono responsabile».

 

 

 

24 aprile 2020
AREA-
di Andrea Santoni
È lo slogan della "Giornata nazionale per la donazione di organi e tessuti", che si celebra domenica 11 aprile. Promossa del ministero della Salute e dal Centro nazionale trapianti per sensibilizzare i cittadini a donare, nonostante la pandemia
10 apr 2021
Social network, bambini e identità sessuale: cos'è cambiato rispetto al passato?
di Benedetta MARINO
Oggi, rispetto al passato, i ragazzi sono più stimolati a porsi domande sulla propria identità sessuale. E sul web trovano informazioni confuse e disfunzionali
9 apr 2021
La DAD apre nuove prospettive, ma non permette di andare in profondità
di Agostinho Augusto
Intervista con il professor Luca Bianchi, vice-rettore della Pontificia Università Antonianum
31 mar 2021
Le conseguenze nascoste del Covid: aumenta il lavoro minorile
di Marc-Auguste Kambiré
In diversi Paesi del mondo, i minori sono stati considerati "risparmiati" dal COVID-19: anche per questo, vengono messi al lavoro al posto degli adulti.
29 mar 2021
Donne e lavoro: il Covid amplifica le disuguaglianze, ma  il vento sta cambiando…
di Andrea Santoni
Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, le donne sono le più colpite a livello lavorativo ed economico dagli effetti della pandemia. Ma in alcuni ambiti si intravvedono risposte per il futuro
26 mar 2021