lunedì 10 agosto 2020
La spesa durante la quarantena vista dagli occhi di un ragazzo
di Riccardo Capobianco
In questo periodo storico particolare i ragazzi si sono fatti un’idea di come sia il mondo al di fuori delle mura di casa, ma un “viaggio” all'esterno della quarantena potrebbe mostrare un’altra realtà.

Noi giovani siamo chiusi in casa con suggestioni sull'esterno che non sono veritiere, e l'esperienza diretta lo dimostra.


40esimo
giorno di quarantena, per la prima volta sarebbe toccato a me andare a fare la spesa. Mi sarei occupato di prendere solamente lo stretto necessario, più qualche sfizio per far passare meglio questo tempo di permanenza in casa.

Ormai ero preparatissimo sulla teoria: mascherina, guanti, metro di distanza e autocertificazione pronta per essere mostrata a richiesta. Ero anche già stato avvisato di tutte le varie complicazioni tipo: file con tempi di attesa lunghissimi, come un ristorante al centro durante il weekend. Per non parlare poi della caccia al lievito, in cui anche Indiana Jones avrebbe avuto la peggio. Ma ciò non mi scoraggiava, quei quaranta giorni di quarantena avevano ormai temprato il mio spirito.

 

Il market non si trovava lontano, a piedi ci sarebbero voluti una ventina di minuti ma, vivendo in campagna alle porte di Roma, avevo deciso di andare in groppa al mio longboard, per godermi la passeggiata in modo differente. Non andare in macchina mi sembrava il modo migliore per fare un po’ di allenamento, visto che ormai stavo iniziando a prendere le sembianze di un tubero.

Dopo aver fatto la prima parte di sterrato con il longboard in spalla, ho iniziato ad avere il fiatone: panico da coronavirus”, ma mi sono calmato ricordandomi che il massimo sforzo fisico che avevo fatto a casa erano le scale per andare in sala da pranzo.

Finito l’incubo, ho sgranchito la schiena, sono saltato sullo skate e mi sono lanciato per la strada. Mentre gli alberi scorrevano ai lati, sono rimasto stupito da come quella semplice azione mi sembrasse così nuova ed emozionante. Il vento sul volto, il sole che mi scaldava, tutto sembrava così surreale, ma era quella la realtà di cui ormai ci stavamo dimenticando.

 

Arrivato al market, la mia visione apocalittica è però cambiata. Mi aspettavo gente spaventata o comunque diffidente verso il prossimo, invece tutt’altro.

Stavo in fila fuori, tentando di usare tutte le mie capacità cognitive per posizionare quello skate gigante nel modo meno scomodo e più stabile possibile, quando la mia concentrazione è stata spezzata dal vocione della signora del market che segnalava l’arrivo del mio turno. Alzandomi... “boom”: la tavola è di nuovo per terra. Il panico è tornato, immaginavo già lo sguardo impaziente della commessa che regolava il traffico della fila. Ero già pronto a chiedere perdono per i miei peccati e mentre sprofondavo nelle tenebre pensavo: «perché hanno dovuto mandare me a svolgere questa ricerca di viveri in territorio pericoloso?».

A riportarmi alla realtà è stata proprio la signora, che invece di riprendermi si è messa a ridere invitandomi a dare a lei lo skate per potermi aiutare.

Mai mi sarei aspettato una reazione così allegra e spensierata. Entrando, ho lasciato alla signora la tavola, ancora con i riflessi rallentati dallo stupore. Ci siamo scambiati qualche battuta alla giusta distanza di sicurezza e infine mi sono avviato a fare scorte.

 

Finita la spesa, sono andato a ritirare il mio mezzo e con lo zaino pieno fino a scoppiare mi sono avviato verso casa, con un’energia completamente nuova e fiducioso nel ritorno alla normalità

26 aprile 2020
AREA-
Aiuto, dov'è lo smartphone?!?
di Paolo Rosi
Si chiama "nomofobia" la paura di rimanere senza cellulare. Uno dei tanti modi in cui si esprime il complesso rapporto tra adolescenti e nuove tecnologie
11 giu 2020
Musica, social network, moda. Per i giovani tanti modi di comunicare, una richiesta: ascoltateci
di Celine Louisette RAHANTASOA
I giovani di oggi non sono migliori di quelli di ieri, ma comunicano diversamente. E chiedono di essere riconosciuti
9 giu 2020
La vocazione religiosa in un'epoca in cui tutte le vocazioni sono in crisi
di Thi Dung TRAN
A colloquio con una suora Oblata di Maria Vergine di Fatima, sulla crisi delle vocazioni religiose e su come affrontarla
6 giu 2020
La paura farà diminuire o crescere la fede?
di Celine Louisette RAHANTASOA
La riapertura delle chiese era molto attesa dai cattolici, ma non era scontato che la gente tornasse a messa. Ecco come è andata in una parrocchia di Roma
1 giu 2020
A Roma riaprono i mercati e i cittadini si fidano
di Thi Dung TRAN
Il mercato Menenio Agrippa riapre dopo l'emergenza. Abbiamo fatto un giro tra i banchi di frutta, verdura, carne e pesce e raccolto alcune voci...
28 mag 2020
i