venerdì 30 luglio 2021
Covid19: è morto il vescovo congolese Gérard Mulumba. Il ricordo di chi lo ha conosciuto
di Sophie Mujnga Ciola
Mons Gérard Mulumba è stato anche capo della Casa civile della presidenza congolese. Aveva 82 anni
27 aprile 2020

Il capo della casa civile e zio del Presidente della Repubblica Democratica del Congo, Sua Eccellenza Gérard Mulumba, è morto nella notte di mercoledì 15 aprile, a causa delle conseguenze del coronavirus. Aveva 82 anni. L'informazione è stata confermata dai parenti del prelato congolese.

Tutti coloro che lo hanno conosciuto lo descrivono come un uomo generoso, attento, semplice, amichevole ...

«Monsignor Gerard mi è molto vicino e io sono molto vicino a lui in tanti modi, e ciò che mi ha colpito molto in tutto questo è il Salmo 131 (130), un salmo di umiltà... È il salmo che ho fatto cantare ai miei seminaristi quando abbiamo saputo che era stato nominato vescovo, ero già rettore al seminario minore e avevo chiesto al mio seminarista di andare a salutarlo. Di lui ciò che ci ha impressionato è questa semplicità e umiltà. Veramente di un uomo di Dio, non smetteremo mai di dirlo. È stato straordinario!». È questa la testimonianza di mons. Bernard Kasanda, vescovo della diocesi di Mbuji-Mayi, durante una messa ufficiale in memoria di mons. Gerard Mulumba.

«Penso che Mons. Gerard, corrispondesse davvero a questa preghiera, intitolata "Signore Gesù, trasformami nella tua misericordia". Gesù Cristo è misericordioso... Troviamo questa misericordia incarnata nella persona dell'arcivescovo Gerard. I suoi occhi, le sue orecchie, la sua lingua, le sue mani, i suoi piedi e infine il suo cuore erano pieni di misericordia», dichiara padre Cleophas durante la sua omelia nella stessa messa.

 

Gerard Mulumba era il fratello minore dello storico oppositore Etienne Tshisekedi. Aveva intrapreso molto presto il suo percorso ecclesiastico. Il fratello, ex dirigente dell'amministrazione del maresciallo, ha scelto la strada della contestazione e fondato l'Unione per la democrazia e il progresso sociale (UDPS). «A causa dell'identità di mio fratello, c'è sempre stato sospetto e calunnia nei miei confronti. Sono stato interrogato più volte!», aveva dichiarato alla testata "Jeune Afrique".

Gererard  Mulumba è stato ordinato sacerdote nel 1967. Ha studiato teologia nella Repubblica Democratica del Congo, suo paese d'origine e poi Sociologia dello sviluppo in Europa, in particolare in Belgio. Nel 1989 è stato nominato vescovo di Mweka, nella provincia del Kasaï, da Papa Giovanni Paolo II. Rimase a capo della diocesi di Mweka per 28 anni, prima di ritirarsi nel 2017 all'età di 79 anni.

Due anni dopo il suo pensionamento, è stato nominato capo della Casa civile del presidente. In tale veste, era responsabile della gestione e della logistica delle residenze e dei siti presidenziali privati, nonché della segreteria del Capo dello Stato e del servizio medico presidenziale.

 

Nella Repubblica Democratica del Congo preoccupa la velocità di diffusione del covid19. Il paese ha attualmente 350 casi, 35 guariti e 25 morti, tra i quali anche monsignor Gerard.

27 aprile 2020
AREA-
Togo. Il giovane imprenditore che ricicla carta da cemento
di Marc-Auguste Kambiré
L'incontro con un giovane imprenditore togolese, esempio di imprenditorialità giovanile, che contribuisce a cambiare il modello di sviluppo
6 giu 2021
In Italia, sempre meno risorse dedicate ai giovani e non coordinate tra loro
di Marc-Auguste Kambiré
Declino della competitività, questione giovanile e lavoro delle donne sono i principali motivi per cui l'Italia è agli ultimi posti per tassi di occupazione
2 giu 2021
Cura del creato: come la Chiesa ha anticipato l’Agenda 2030
di Jesus Padilla Iniguez
Il magistero della Chiesa insegna, propone e invita alla creazione di itinerari per lo sviluppo sostenibile del Pianeta. E da quasi sei anni anche l’Onu sta lavorando sulla stessa via
9 mag 2021
GloLitter: lo sviluppo passa dalla pulizia dei mari
di Andrea Santoni
È nato il progetto GloLitter, promosso da Governo della Norvegia, FAO e IMO: aiuterà i Paesi in via di sviluppo a ridurre i rifiuti che finiscono in mare, in particolare la plastica
5 mag 2021
Agenda 2030: tra il 2010 e il 2019, l’Italia è migliorata in otto Goal
di Marc-Auguste Kambiré
Quanto a sostenibilità, siamo a metà strada. Le sfide sono: energia pulita e rinnovabile, sconfiggere fame e malnutrizione, finanziare innovazione e infrastrutture
4 mag 2021