giovedì 15 aprile 2021
Covid19: è morto il vescovo congolese Gérard Mulumba. Il ricordo di chi lo ha conosciuto
di Sophie Mujnga Ciola
Mons Gérard Mulumba è stato anche capo della Casa civile della presidenza congolese. Aveva 82 anni
27 aprile 2020

Il capo della casa civile e zio del Presidente della Repubblica Democratica del Congo, Sua Eccellenza Gérard Mulumba, è morto nella notte di mercoledì 15 aprile, a causa delle conseguenze del coronavirus. Aveva 82 anni. L'informazione è stata confermata dai parenti del prelato congolese.

Tutti coloro che lo hanno conosciuto lo descrivono come un uomo generoso, attento, semplice, amichevole ...

«Monsignor Gerard mi è molto vicino e io sono molto vicino a lui in tanti modi, e ciò che mi ha colpito molto in tutto questo è il Salmo 131 (130), un salmo di umiltà... È il salmo che ho fatto cantare ai miei seminaristi quando abbiamo saputo che era stato nominato vescovo, ero già rettore al seminario minore e avevo chiesto al mio seminarista di andare a salutarlo. Di lui ciò che ci ha impressionato è questa semplicità e umiltà. Veramente di un uomo di Dio, non smetteremo mai di dirlo. È stato straordinario!». È questa la testimonianza di mons. Bernard Kasanda, vescovo della diocesi di Mbuji-Mayi, durante una messa ufficiale in memoria di mons. Gerard Mulumba.

«Penso che Mons. Gerard, corrispondesse davvero a questa preghiera, intitolata "Signore Gesù, trasformami nella tua misericordia". Gesù Cristo è misericordioso... Troviamo questa misericordia incarnata nella persona dell'arcivescovo Gerard. I suoi occhi, le sue orecchie, la sua lingua, le sue mani, i suoi piedi e infine il suo cuore erano pieni di misericordia», dichiara padre Cleophas durante la sua omelia nella stessa messa.

 

Gerard Mulumba era il fratello minore dello storico oppositore Etienne Tshisekedi. Aveva intrapreso molto presto il suo percorso ecclesiastico. Il fratello, ex dirigente dell'amministrazione del maresciallo, ha scelto la strada della contestazione e fondato l'Unione per la democrazia e il progresso sociale (UDPS). «A causa dell'identità di mio fratello, c'è sempre stato sospetto e calunnia nei miei confronti. Sono stato interrogato più volte!», aveva dichiarato alla testata "Jeune Afrique".

Gererard  Mulumba è stato ordinato sacerdote nel 1967. Ha studiato teologia nella Repubblica Democratica del Congo, suo paese d'origine e poi Sociologia dello sviluppo in Europa, in particolare in Belgio. Nel 1989 è stato nominato vescovo di Mweka, nella provincia del Kasaï, da Papa Giovanni Paolo II. Rimase a capo della diocesi di Mweka per 28 anni, prima di ritirarsi nel 2017 all'età di 79 anni.

Due anni dopo il suo pensionamento, è stato nominato capo della Casa civile del presidente. In tale veste, era responsabile della gestione e della logistica delle residenze e dei siti presidenziali privati, nonché della segreteria del Capo dello Stato e del servizio medico presidenziale.

 

Nella Repubblica Democratica del Congo preoccupa la velocità di diffusione del covid19. Il paese ha attualmente 350 casi, 35 guariti e 25 morti, tra i quali anche monsignor Gerard.

27 aprile 2020
AREA-
di Andrea Santoni
È lo slogan della "Giornata nazionale per la donazione di organi e tessuti", che si celebra domenica 11 aprile. Promossa del ministero della Salute e dal Centro nazionale trapianti per sensibilizzare i cittadini a donare, nonostante la pandemia
10 apr 2021
Social network, bambini e identità sessuale: cos'è cambiato rispetto al passato?
di Benedetta MARINO
Oggi, rispetto al passato, i ragazzi sono più stimolati a porsi domande sulla propria identità sessuale. E sul web trovano informazioni confuse e disfunzionali
9 apr 2021
La DAD apre nuove prospettive, ma non permette di andare in profondità
di Agostinho Augusto
Intervista con il professor Luca Bianchi, vice-rettore della Pontificia Università Antonianum
31 mar 2021
Le conseguenze nascoste del Covid: aumenta il lavoro minorile
di Marc-Auguste Kambiré
In diversi Paesi del mondo, i minori sono stati considerati "risparmiati" dal COVID-19: anche per questo, vengono messi al lavoro al posto degli adulti.
29 mar 2021
Donne e lavoro: il Covid amplifica le disuguaglianze, ma  il vento sta cambiando…
di Andrea Santoni
Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, le donne sono le più colpite a livello lavorativo ed economico dagli effetti della pandemia. Ma in alcuni ambiti si intravvedono risposte per il futuro
26 mar 2021